Non è mai troppo tardi

Testimonianze

Un matrimonio giunge alla separazione quando l’incontro con Gesù dona a entrambi gli sposi occhi e cuore nuovi per accogliersi e ricominciare. Davanti al Tribunale.

Alfonso e Betty erano certi di non avere invitato né Gesù né Maria al loro matrimonio, in quel giorno di fine estate del 1986, che avevano deciso di celebrare in Chiesa per dargli un maggiore effetto. Volevano sostenersi con le loro sole forze ed erano abbastanza sicuri di poterci riuscire. Quando, qualche anno più tardi, cominciò a “scarseggiare il vino” nel loro matrimonio, entrambi si affrettarono a colmare il vuoto che provavano con tutto ciò che di solito offre il mondo: divertimenti, carriera, cura del corpo. Ma la loro sete di amore non veniva appagata, anzi pur dividendo la stessa casa e lo stesso letto, presto si trovarono a sperimentare una profonda solitudine che presto li portò a separarsi.

Dopo alcuni mesi di profondo scoraggiamento, Alfonso iniziò a frequentare un gruppo del Rinnovamento nello Spirito Santo e qui fece l’esperienza dell’incontro con Gesù che trasformò radicalmente la sua vita. Iniziò a pregare anche per Betty e da quel momento qualcosa cominciò a cambiare nel cuore di lei.

Si rincontrarono in tribunale il giorno fissato per la sentenza di separazione e già a prima vista ciascuno scorse qualcosa di diverso nell’altro. Al termine dell’udienza decisero di fermarsi insieme per un ultimo caffè, iniziarono a parlarsi come non avevano mai fatto in ventitré anni: entrambi videro la luce di Cristo negli occhi dell’altro e si scoprirono due persone rese nuove da Gesù. Il loro matrimonio ricominciò a vivere proprio la sera del giorno della loro separazione, avendo maturato la piena consapevolezza che: «Gesù è il Signore, e senza di lui non possiamo far nulla». Il 14 settembre 2011 festeggeranno il loro venticinquesimo anniversario di matrimonio e questa volta Gesù e Maria saranno gli ospiti di onore.

Alfonso e Betty

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Share This