Calendario 2021 – Documento di programmazione

Attualità, Eventi

“Tutti fratelli… tutti in cammino…”

CALENDARIO 2021

“Affinché appaia che questa straordinaria potenza

appartiene a Dio, e non viene da noi” (2 Cor 4, 7).

 

Premesse spirituali e pastorali

Diamo alla considerazione del RnS, a partire dal discernimento del CNS e del CN, la programmazione nazionale annuale 2021 del nostro Movimento. Accostiamo questo fondamentale e vitale tema con “timore di Dio”, consapevoli ed esperienti del fatto che a noi spetta “lavorare per il Signore e collaborare con il Signore, secondo la volontà di Dio ben espressa dall’Apostolo:

“Io ho piantato, Apollo ha irrigato, ma è Dio che ha fatto crescere. Ora né chi pianta, né chi irrìga è qualche cosa, ma Dio che fa crescere. Non c’è differenza tra chi pianta e chi irrìga, ma ciascuno riceverà la sua ricompensa secondo il proprio lavoro. Siamo infatti collaboratori di Dio, e voi siete il campo di Dio, l’edificio di Dio” (1 Cor 3, 6-9).

Dunque, seminiamo prendiamoci cura del “campo”: al Signore fare crescere ogni cosa, nei modi che Lui vorrà, mentre noi ci industriamo per trovare soluzioni e accompagnare, modellando di volta in volta, caso per caso, la realizzazione di quanto in Programma: 

  • live (senza partecipanti o con partecipanti)
  • online 
  • live + online

Nel giorno primo anniversario della nascita al Cielo del nostro indimenticato don Guido, sentiamo il bisogno di rinnovare l’anelito alle cose sante di Dio, per essere trovati degni dallo Spirito Santo di collaborare alla missione per la quale siamo stati “eletti”:

  • Evangelizzare i lontani
  • Rievangelizzare i vicini
  • Vivere una vita nuova nello Spirito
  • Costruire il regno di Dio, instaurando una Cultura della Pentecoste 

Gesù non ci ha promesso vita facile, né un ministero comodo. 

Gesù non ci promesso riposo, neanche quello forzato da un virus o dalle guerre di ogni tempo.

Gesù non ci ha chiesto di amare poco, né di risparmiare il nostro tempo per accumulare beni e affetti di ogni genere legati a questo mondo.

Gesù non ci ha chiesto di isolarci nel tempo della prova, né di lasciar prevalere lo spirito del mondo quando i morsi della fatica e della paura assediano il cuore.

I nostri Cenacoli, Gruppi e Comunità non sono fondati sulla buona volontà di fratelli e sorelle che si dimenano nella storia conducendo una responsabilità spirituale (derivante dai carismi dello Spirito) ed ecclesiale (delegata dai Pastori della Chiesa), come e quando possono, ma su una scelta di vita, su una vocazione santa, su una visione di sé e della Chiesa nel mondo che renda permanente il servizio all’uomo e sempre paradigmatica ed edificante la testimonianza propria dei responsabili.

Come sono preziose, ispiranti, dirimenti le parole di san Paolo ai Corinti – che di seguito vogliamo richiamare – e come le sentiamo attuali in questa nuova Quaresima pandemica che la volontà di Dio ci chiede di attraversare verso l’epifania pasquale! Risuonano autentiche e riscontrabili nel quotidiano delle nostre vite di guide pastorali? Leggendole, adesso, siamo trovati degni dallo Spirito di manifestarle nel nostro ministero?

“Perciò, avendo questo ministero, secondo la misericordia che ci è stata accordata, non ci perdiamo d’animo. Al contrario, abbiamo rifiutato le dissimulazioni vergognose, senza comportarci con astuzia, né falsificando la parola di Dio, ma annunciando apertamente la verità e presentandoci davanti a ogni coscienza umana, al cospetto di Dio. E se il nostro Vangelo rimane velato, lo è in coloro che si perdono: in loro, increduli, il dio di questo mondo ha accecato la mente, perché non vedano lo splendore del glorioso vangelo di Cristo, che è immagine di Dio. Noi infatti non annunciamo noi stessi, ma Cristo Gesù Signore: quanto a noi, siamo i vostri servitori a causa di Gesù. E Dio, che disse: «Rifulga la luce dalle tenebre», rifulse nei nostri cuori, per far risplendere la conoscenza della gloria di Dio sul volto di Cristo. 

Noi però abbiamo questo tesoro in vasi di creta, affinché appaia che questa straordinaria potenza appartiene a Dio, e non viene da noi. In tutto, infatti, siamo tribolati, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non uccisi, portando sempre e dovunque nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo. Sempre infatti, noi che siamo vivi, veniamo consegnati alla morte a causa di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nella nostra carne mortale. Cosicché in noi agisce la morte, in voi la vita. 

 

Animati tuttavia da quello stesso spirito di fede di cui sta scritto: Ho creduto, perciò ho parlato, anche noi crediamo e perciò parliamo, convinti che colui che ha risuscitato il Signore Gesù, risusciterà anche noi con Gesù e ci porrà accanto a lui insieme con voi. Tutto infatti è per voi, perché la grazia, accresciuta a opera di molti, faccia abbondare l’inno di ringraziamento, per la gloria di Dio. Per questo non ci scoraggiamo, ma, se anche il nostro uomo esteriore si va disfacendo, quello interiore invece si rinnova di giorno in giorno. Infatti, il momentaneo, leggero peso della nostra tribolazione ci procura una quantità smisurata ed eterna di gloria: noi non fissiamo lo sguardo sulle cose visibili, ma su quelle invisibili, perché le cose visibili sono di un momento, quelle invisibili invece sono eterne” (2 Cor 4, 1-18).

Questo testo legge il nostro presente storico; è un’esegesi spirituale di quanto la Provvidenza ci ha permesso di vivere e di esperimentare nell’anno 2020. Di certo una Parola che vige, potente, in queste ore nelle quali siamo chiamati a leggere i segni dei tempi e a preparare una nuova Pasqua del Signore e una nuova Pentecoste dello Spirito.

E mentre siamo compresi intorno alla “possibilità/impossibilità” di programmare e organizzare il nostro Calendario 2021, ci volgiamo per un momento indietro e sentiamo l’eco benedicente dei nostri fratelli e sorelle e dei nostri Vescovi, per lo straordinario lavoro di rinnovamento spirituale che insieme, mai come prima in passato, abbiamo prodotto a vantaggio di quanti ci sono stati affidati dal Signore e di tanti, tanti altri che hanno “camminato sulle acque” insieme a noi.

Parola chiave dell’anno trascorso è stata “conversione”, dunque cambiamento, rinnovamento, ripensamento del nostro lavoro e del nostro impegno. Forzato dagli eventi e dalle limitazioni, permesso dallo Spirito come “segno dei tempi”, favorito dalla imponente trasformazione digitale dei linguaggi e dei modi, la pandemia è stata per noi conversione: verso Dio, verso i fratelli, verso il prossimo. Ci ritroviamo oggi più uniti e benedetti, ancor più consapevoli della “profezia” che è in atto e che ancora attende di compiersi.

La 44^ Conferenza Nazionale Animatori ha posto il sigillo su questo disegno, chiamando tutti a raccolta e consacrando l’impegno distintivo di ciascuno, in forza di un carisma elettivo o di una vocazione: “Nessuno è escluso!”. Meravigliosa e davvero non esprimibile in poche parole, se non nella glorificazione dello Spirito, la continuità “programmatica” che i 5 Holy Christmas, i 20 Incontri Regionali Animatori, gli Incontri Mensili degli Ambiti e Ministeri hanno prodotto.

Da qui si riparte; da qui si continua; da qui si potrà rendere manifesto il triplice nostro impegno programmatico, che onora il mandato di Papa Francesco (Roma, Giubileo d’Oro 2017):

Battesimo nello Spirito: è tutta l’opera di evangelizzazione carismatica

Lode: è tutta l’opera di animazione carismatica

Servizio all’uomo: è tutta l’opera di carità fraterna, spirituale e materiale

Dunque, rinnovando la nostra fiducia fraterna, sottomettendoci volentieri allo Spirito Santo, che ci educa e ci guida, ci ispira e ci muove, avanziamo con una proposta di programmazione annuale 2021, rimessa subito ai piedi della croce di Gesù, perché, come abbiamo imparato da san Paolo, ciò che deve morire muoia e ciò che deve vivere viva. 

Lo facciamo da “poveri in spirito”, che necessitano di beni materiali e di risorse economiche per proseguire la “navigazione”. Nel 2020 il Signore non ci ha fatto mancare nulla; crediamo che sarà così anche quest’anno, se onoreremo il servizio alla “casa del Signore”, che è il RnS, con lo spirito di fraternità che ci ha fatto e ci fa cantare: “Noi siam fratelli!”. Procuriamoci, dunque, di provvedere alle necessità dei fratelli, alle necessità della nostra famiglia ecclesiale, ai bisogni materiali di questa casa!  Lo ripetiamo: “Nessuno è escluso” dal farlo, se davvero crediamo che siamo “tutti salvati”, e dunque siamo entrati nel regime della vita nuova il cui verbo è “dare”, “dare, con gioia, per ricevere” (cf At 20, 35).

La Festa del Ringraziamento / Convocazione Diocesana – 14 marzo (vedi circolare ad hoc), va onorata da tutti nello spirito che da sempre la distingue, come tappa fondamentale del nostro cammino: 

  • rinnoviamo la nostra fedeltà agli Statuti, che consacrano la nostra appartenenza, identità e missione
  • rinnoviamo la nostra fede nella Chiesa con i nostri Pastori
  • rinnoviamo la nostra fiducia fraterna, provvedendo ai bisogni del Movimento con la Raccolta straordinaria dei Cenacoli, Gruppi e Comunità.

Tre gesti, che si autenticano vicendevolmente e che segnano, di fatto, l’inizio del cammino annuale del RnS. 

Onorare il 14 marzo, nei tempi e nei modi che sappiamo dover subordinare alle limitazioni imposte alle diverse Regioni, significa provvedere in ogni modo alla comunione ecclesiale e alla comunione fra noi. Così onoriamo lo Spirito Santo!

Un invito profetico a non perderci di animo, a investire sulla grazia, a dare nuova attuazione all’insegnamento di san Paolo prima ricordato, ci viene da un sapiente antico; un invito a essere sempre e comunque concreti nella fede, pragmatici nella speranza, operativi nella carità:

“Getta il tuo pane sulle acque, perché con il tempo lo ritroverai. Fanne sette od otto parti, perché non sai quale sciagura potrà succedere sulla terra. 

Chi bada al vento non semina mai e chi osserva le nuvole non miete. 

Come ignori per qual via lo spirito entra nelle ossa dentro il seno d’una donna incinta, così ignori l’opera di Dio che fa tutto. 

La mattina semina il tuo seme e la sera non dar riposo alle tue mani, perché non sai qual lavoro riuscirà, se questo o quello o se saranno buoni tutt’e due. 

Segui pure le vie del tuo cuore e i desideri dei tuoi occhi. Sappi però che su tutto questo Dio ti convocherà in giudizio. 

Caccia la malinconia dal tuo cuore, allontana dal tuo corpo il dolore” (Qo 11, 1-2.4-6.9b-10).

Non si trascuri, all’orizzonte, una straordinaria ricorrenza che ci attende: il 50° anniversario della nascita del Rinnovamento in Italia (fine 1971 – inizi 1972; San Mauro Pascoli in Rimini /Roma). Pertanto, indiremo un Anno Giubilare, che avrà inizio alla fine del 2021 (vogliamo che coincida con la 45^ Conferenza Nazionale Animatori) e che ci porterà a vivere in modo straordinario il 2022, anno nel quale si conclude il nostro mandato quadriennale di servizio.

SETTIMANA SANTA

  • Lunedi e Martedì Santo, 29 – 30 Marzo “Speciale 40 Ore di Adorazione”

Dalle ore 08.00 di Lunedì alle ore 24.00 di Martedì

Si propone lo speciale tempo di Adorazione Eucaristica “40 Ore” con animazione spirituale e carismatica da 40 Cappelle. Il 1° turno alle ore 08.00 di Lunedi, il 40° alle ore 23.00 di Martedì.

Quanto ai luoghi, si confermano Cappelle di Parrocchie e Santuari, di Istituzioni pubbliche e private, di Case e luoghi di sofferenza. Ad guidare l’adorazione: Vescovi, Consiglieri spirituali regionali o diocesani del RnS, Rettori o Cappellani.

Confermiamo l’esperienza consolidata nel 2020 di un format unitario.

  • Mercoledì Santo, 31 Marzo

(ore 14.30)

Undicesima e ultima puntata della Rubrica: “La gioia di essere liberi!” sul tema: “La gioia di essere liberi di dare la vita in ciò in cui si crede”

  • Mercoledì Santo, 31 Marzo – Via Crucis itinerante: “Italia, lascia passare la Croce di Gesù!” (Social, ore 20.30)

Si confermano le 14 Diocesi dello scorso anno, che tracciano una croce sul Paese, da nord a sud, da ovest a est.

I Stazione – Diocesi di Trento

II Stazione – Diocesi di Bergamo

III Stazione – Diocesi di Verona 

IV Stazione – Diocesi di Reggio Emilia

V Stazione – Diocesi di Firenze

VI Stazione – Diocesi di Spoleto

VII Stazione – Diocesi di L’Aquila

VIII Stazione – Diocesi di Napoli

IX Stazione – Diocesi di Reggio Calabria 

X Stazione – Diocesi di Nicosia

XI Stazione – Diocesi di Sassari

XII Stazione – Diocesi di Manfredonia/Vieste/San Giovanni Rotondo

XIII Stazione – Diocesi di Isernia/Venafro

XIV Stazione – Diocesi di Latina

XV Stazione – Cappella Sede Nazionale RnS

Alcune novità: 

  • la croce da ovest passa subito a est, per finire la Via Crucis nel Lazio; 
  • aggiungiamo una 15^ stazione (La risurrezione), che si svolgerà nella Cappella della Sede nazionale ad opera del CNS.

Circa il testo, sarà utilizzato: “La Via Crucis con Papa Francesco. Meditazioni delle Stazioni tratte dai suoi Discorsi”.

Circa lo svolgimento, non avverrà nelle case dei Coordinatori diocesani, ma in un sito di sofferenza diocesano. Dunque, alla Stazione, si assocerà “un crocifisso” dalla pandemia. 

Queste le categorie:

Anziano in casa

Artista inoccupato

Famiglia colpita da un lutto a causa del covid

Carcerato presso Centro di recupero

Migrante presso Centro di accoglienza

Arcivescovo malato di covid 

Studente presso Scuola

Imprenditore

Tossico dipendente presso Centro di recupero

Anziano presso Casa di Riposo

Clochard per strada

Ammalato presso Ospedale

Impoverito presso Emporio Caritas

Disoccupato

A seguito di una ricognizione con i Coordinatori diocesani, sulla base delle loro disponibilità, stiamo procedendo all’assegnazione della categoria alla Stazione e dunque alla Diocesi.

  • Giovedì Santo, 1 Aprile, Roma, Basilica dei Santi XII Apostoli: “Una preghiera per l’Italia” (in diretta, ore 20.30)

La croce, che si troverà nella nostra Cappella a conclusione della Via Crucis del Mercoledì santo, sarà portata nella Basilica romana dei Santi XII Apostoli (martiri), per vivere un’Ora Santa di Adorazione Eucaristica, al termine della S. Messa In coena Domini.

Entusiasti i Frati conventuali responsabili della Basilica. 

Essendo un gesto d’intercessione per il nostro Paese, saranno invitati a inginocchiarsi con noi e a pregare:

  • Un Cardinale o Vescovo
  • Il Sindaco di Roma o suo rappresentante
  • Un rappresentante del Governo nazionale
  • Un rappresentante della Sanità (Policlinico “Gemelli”)
  • Un malato
  • Un lavoratore impoverito
  • Uno studente
  • Una famiglia 

 

  • Venerdì Santo, 2 Aprile, Concerto per Gesù: “Ha dato la sua vita per me” 

(Social, ore 12.00 – 15.00)

In questo giorno di lutto, nelle 3 ore di agonia di Gesù, proponiamo una colonna sonora in 6 parti, composta da sei generi musicali, ciascuno di 30 minuti, affidati a 6 Servizi regionali della Musica e Canto:

*  30′ Canti allo Spirito Santo – VENETO

*  30′ Canti di Lode (non ritmati) – CAMPANIA

*  30′ Canti Penitenziali – SARDEGNA

*  30′ Canti di Guarigione e Liberazione – MARCHE

*  30′ Canti di Adorazione (della croce) – SICILIA

*  30′ Canti di amore a Gesù – LAZIO

  • Domenica di Risurrezione, 4 aprile, Auguri pasquali “E’ risorto e vive: Alleluja!”

Realizziamo gli auguri pasquali del CNS e del CN. Si propone che il Coordinatore regionale registri su Zoom gli auguri, avendo presente, su schermo, tutto il Consiglio Regionale, che si unisce, alla fine, in formato “galleria”, nel grido che fa da tema: “Gesù è risorto e vive: Alleluja!”

 

PENTECOSTE

 

Vogliamo onorare lo Spirito Santo ponendo la Solennità di Pentecoste al centro di due settimane, la precedente e la seguente alla festa, in cui tutto il RnS si coinvolge con delle “novità”.

  • Novena di Pentecoste, 14 – 22 Maggio: “Vieni, Santo Spirito!” – Seminario online per una nuova effusione dello Spirito”

Come già annunciato – il format è già in fase avanzata di studio – si propone il primo Seminario di vita nuova nello Spirito online.

Il Seminario è aperto a tutti, anche a quanti hanno giù vissuto l’esperienza del battesimo nello Spirito. Vogliamo segnare così un nuovo inizio per il nostro cammino.

  • Solennità di Pentecoste, domenica 23 Maggio

Non sono previste iniziative nazionali o regionali.

Realizziamo gli Auguri del CNS e del CN sul modello degli Auguri pasquali.

  • Lunedì di Pentecoste, 24 Maggio

Una tradizione, purtroppo interrotta in Italia e in altri Paesi del mondo, vuole il Lunedì seguente la Pentecoste “festivo” al pari della Domenica (come accade con il “Lunedì dell’Angelo o Pasquetta”). In realtà, tutta l’Ottava di Pentecoste andrebbe vissuta come l’Ottava di Pasqua (così era anticamente), come se fosse un solo giorno di festa.

Proponiamo un evento di Cultura della Pentecoste, sull’attualità del Battesimo nello Spirito per una Teologia dello Spirito Santo in un Ateneo Pontificio, un Simposio con la partecipazione di teologi dei diversi Atenei Pontifici Romani, aperto ai responsabili del Rinnovamento e a tutti i “Movimenti Carismatici e Comunità”. 

  • 43^ Convocazione Nazionale RnS, sabato 29 – domenica 30 Maggio (Giardino Sede Nazionale)

Desideriamo celebrare la nostra Convocazione (ricordiamo che lo scorso anno perdette la periodicità; realizzammo, in alternativa, l’Alleluja International Web Meeting) all’interno dell’Ottava di Pentecoste, così da vivere, di fatto, dalla Novena alla Convocazione due settimane intense di vita nello Spirito.

4 Sessioni (due al giorno), d’intensa preghiera e di grande slancio (evangelizzazione)

In tal modo, la preghiera di effusione seguente al Seminario si svolgerebbe all’interno della Convocazione, permettendo a tutti quelli che hanno seguito on line di vivere una speciale esperienza comunitaria.

La sera di venerdì 28 maggio, pertanto, ci sarebbe una Anteprima Convocazione, un tempo di preparazione spirituale alla “Giornata di effusione” che, di fatto, si svolge dentro la Convocazione (il programma dedicherà una Sessione a questo compimento comunitario del Seminario).

 

FORMAZIONE ESTIVA

(in ordine cronologico)

 

  • Incontri Pastorali Regionali

Weekend Luglio – Settembre

Sulla scia degli Incontri estivi realizzati nelle Regioni, nel corso dell’anno 2020, si ripropone la formula dei Weekend aperti a quanti sono stati chiamati, mediante un’elezione, al servizio dei fratelli.

Al cuore di questi Incontri, l’interazione della dimensione carismatica e della dimensione pastorale. 4 le Sessioni previste secondo un medesimo format di impianto biblico. 

*****

  • Vacanza Carismatica Giovani

Località marina, 25 Luglio – 1 Agosto

I giovani avvertono la necessità di tornare a incontrarsi, di alleggerire le tensioni che hanno somatizzato, di ritrovare la gioia di stare insieme e di tornare alla normalità. Niente di meglio che una “vacanza carismatica”. Non un tempo di ozio o di svago improvvisato, ma una “proposta carismatica”, che regali loro delle giornate spirituali indimenticabili.

Per intendersi: sul modello di Campi estivi organizzati da grandi organizzazioni giovanili nel mondo, la mattina (dopo un momento di preghiera comunitaria) sarebbe riservata al “relax attivo” (sport con animazioni carismatiche) e al pomeriggio (dopo un tema dato in una conferenza/testimonianza) evangelizzazione mediante Simposi tutti creativi. Dopo cena la Messa, a lume di candela (in spiaggia).

*****

  • Pellegrinaggio Nazionale in Terra Santa

29 Luglio – 5 Agosto

Sentiamo il dovere di ritornare “là dove tutti siamo nati”, per rinascere sulle orme della nostra fede. Il programma conterrà delle novità rispetto al passato.

*****

  • Vacanza Carismatica Famiglie
  • Loreto, 2 – 9 Agosto
  • Loreto, 10 – 17 Agosto

Per analogia ai giovani, vogliamo offrire alle famiglie due settimane di riposo spirituale. Riapriamo così la nostra Casa “Famiglia di Nazareth” e proponiamo una settimana con un programma estremamente semplice e accessibile (economicamente) a tutti:

  • Al mattino: (dopo la Santa Messa), spiaggia
  • Al pomeriggio: una relazione (un sacerdote che offre una meditazione giornaliera, come in un Ritiro) e condivisione familiare
  • La sera: uscita dalla Casa e visite programmate per rendere testimonianza e condividere con altre famiglie 

*****

  • Seminario di vita nuova Ecumenico “Il Battesimo nello Spirito, lode, servizio all’uomo”. Esperienza di evangelizzazione ecumenica tra gli ultimi

Roma o dintorni, 6 – 8 Agosto

Iniziativa annunciata, il Seminario è da costruire, ma si vuole proporre un “esperimento”, che permetta “ai primi” di condividere e di far partire l’iniziativa.

*****

  • Scuola di Animazione Carismatica 

Roma o dintorni, 16 – 22 Agosto

Ministeri: Animazione Preghiera / Musica e Canto / Intercessione per i sofferenti

I 3 Ministeri continuano a lavorare insieme. Tre percorsi distinti, all’interno della medesima Scuola, con momenti comuni di celebrazione.

*****

  • Team Nazionale Formatori Carismatici

Roma o dintorni, 26 – 29 agosto

Nel 2020 non è stato possibile avviare la proposta di costituzione del Team nazionale (120 persone) sulle 3 Aree formative distintive del RnS (vedi documento ad hoc):

  • effusione e carismi
  • pastoralità e ministerialità 
  • missionarietà e carità

La Scuola era pensata in tre moduli consecutivi di 4 giorni ciascuno. Si propone l’avvio del primo modulo.

*****

  • Pellegrinaggio Nazionale delle Famiglie per la Famiglia

20 Santuari mariani regionali, 11 Settembre

D’intesa con il Presidente della CEI, si proporrà il Pellegrinaggio, nella medesima data, in ogni Regione d’Italia, con il coordinamento di sempre: RnS, Ufficio CEI Famiglia, Forum Famiglie.

Il gesto rappresenterà la preparazione della Chiesa Italiana all’Incontro Mondiale delle Famiglie – Roma 2022.

*****

 

EVENTI AUTUNNALI

  • Moldova

Chisinau, 25 – 26 Settembre

Programmiamo la 3^ Convocazione Nazionale. Circa la possibilità di ripartire con le attività estive, siamo in contatto con la Diocesi.

*****

  • 45^ Conferenza Nazionale Animatori

(Rimini? Sacrofano?), 6 – 7 Novembre

La Conferenza, volutamente promossa in Novembre, segna l’inizio del nostro Anno Giubilare. 

Si svolgerà in 4 Sessioni, secondo il format già collaudato nel 2020.

*****

  • Esercizi Spirituali / Pastorali per Sacerdoti, Diaconi, Religiosi

(Roma? Assisi?), 16 – 20 Novembre

Proponiamo gli Esercizi, forti della tradizione e della possibilità di poterli condurre da Assisi o da Roma

*****

TEMPO DI NATALE

  • Holy Christmas (online)

Festività Natalizie fino all’Epifania 2022

La felice esperienza del 2020 ci spinge a immaginare che sia cosa buona e vantaggiosa “scambiarsi gli auguri di Natale” incontrandosi da casa. Da vedere format, quanti HC e rivolti “a chi”.

*****

L’Anno Giubilare vedrà l’istituzione di un Comitato d’Onore, di un Comitato Scientifico, di un Comitato Promotore – Organizzatore ad hoc, che si insedieranno entro la fine di giugno.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Share This