Emergenza Coronavirus. Contro il Covid- 19: 40 ore di preghiera!

Come annunciato dal Presidente del Rinnovamento nello Spirito Santo, Salvatore Martinez,  durante la Giornata del Ringraziamento – 14 Marzo celebrata in forma unitaria dalla Cappella della Sede nazionale in Roma, nell’ambito della campagna #iorestoacasa…eprego in risposta all’emergenza causata dal Coronavirus, prende il via l’iniziativa “Contro il Covid – 19: 40 ore di preghiera!

A partire dalle ore 7.00 di domenica 15 marzo pv. fino alle ore 22.00 di lunedì 16 marzo pv. sulla pagina ufficiale Facebook del RnS, sullo stile del format già esperimentato con il “Muro di fuoco”, con turni stabiliti Regione per Regione (incluse la Svizzera e la Germania) sarà possibile seguire in diretta e condividere l’Adorazione Eucaristica, la preghiera del Rosario allo Spirito Santo, la lettura dei Salmi da pregare nel tempo della prova e dell’afflizione e i canti scelti per questo momento di comunione ecclesiale e spirituale.

Di seguito: i turni Regione per Regione, i testi dei Salmi e dei canti.

Scarica il PDF con il formulario di preghiera.

TURNI PER LE 40 ORE DI PREGHIERA

DOMENICA 15 MARZO 2020

Ore 7.00 Abruzzo 1° Mistero

Ore 8.00 Basilicata 2° Mistero

Ore 9.00 Calabria 3° Mistero

Ore 10.00 Campania 4° Mistero

Ore 11.00 Emilia Romagna 5° Mistero

Ore 12.00 Friuli Venezia-Giulia 6° Mistero

Ore 13.00 Lazio 7° Mistero

Ore 14.00 Liguria 1° Mistero

Ore 15.00 Lombardia 2° Mistero

Ore 16.00 Marche 3° Mistero

Ore 17.00 Molise 4° Mistero

Ore 18.00 Piemonte Valle d’Aosta 5° Mistero

Ore 19.00 Puglia 6° Mistero

Ore 20.00 Sardegna 7° Mistero

Ore 21.00 Sicilia 1° Mistero

Ore 22.00 Svizzera-Germania 2° Mistero

Ore 23.00 Toscana 3° Mistero

Ore 24.00 Trentino Alto Adige 4° Mistero

LUNEDì 16 MARZO 2020

Ore 1.00 Umbria 5° Mistero

Ore 2.00 Veneto 6° Mistero

Ore 3.00 Abruzzo 7° Mistero

Ore 4.00 Basilicata 1° Mistero

Ore 5.00 Calabria 2° Mistero

Ore 6.00 Campania 3° Mistero

Ore 7.00 Emilia Romagna 4° Mistero

Ore 8.00 Friuli Venezia-Giulia 5° Mistero

Ore 9.00 Lazio 6° Mistero

Ore 10.00 Liguria 7° Mistero

Ore 11.00 Lombardia 1° Mistero

Ore 12.00 Marche 2° Mistero

Ore 13.00 Molise 3° Mistero

Ore 14.00 Piemonte Valle d’Aosta  4° Mistero

Ore 15.00 Puglia 5° Mistero

Ore 16.00 Sardegna 6° Mistero

Ore 17.00 Sicilia 7° Mistero

Ore 18.00 Svizzera-Germania 1° Mistero

Ore 19.00 Toscana 2° Mistero

Ore 20.00 Trentino Alto Adige 3° Mistero

Ore 21.00 Umbria 4° Mistero

Ore 22.00 Veneto 5°, 6° e 7° Mistero

TESTI DEI SALMI DA PREGARE NEL TEMPO DELLA PROVA E DELL’AFFLIZIONE

Salmi 6

(Sal 6, 1-10)

Al maestro del coro. Per strumenti a corda. Sull’ottava.
Salmo. Di Davide.

Signore, non punirmi nel tuo sdegno,
non castigarmi nel tuo furore.

Pietà di me, Signore: vengo meno;
risanami, Signore: tremano le mie ossa.

L’anima mia è tutta sconvolta,
ma tu, Signore, fino a quando…?

Volgiti, Signore, a liberarmi,
salvami per la tua misericordia.

Nessuno tra i morti ti ricorda.
Chi negli inferi canta le tue lodi?

Sono stremato dai lungi lamenti,
ogni notte inondo di pianto il mio giaciglio,
irroro di lacrime il mio letto.

I miei occhi si consumano nel dolore,
invecchio fra tanti miei oppressori.

Via da me voi tutti che fate il male,
il Signore ascolta la voce del mio pianto.

Il Signore ascolta la mia supplica,
il Signore accoglie la mia preghiera.

Arrossiscano e tremino i miei nemici,
confusi, indietreggino all’istante.

Salmi 23 (22)

(Sal 23, 1-6)


Salmo. Di Davide.
Il Signore è il mio pastore:
non manco di nulla;
su pascoli erbosi mi fa riposare
ad acque tranquille mi conduce.
Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino,
per amore del suo nome.
Se dovessi camminare in una valle oscura,
non temerei alcun male, perché tu sei con me.
Il tuo bastone e il tuo vincastro
mi danno sicurezza.

Davanti a me tu prepari una mensa
sotto gli occhi dei miei nemici;
cospargi di olio il mio capo.

Il mio calice trabocca.

Felicità e grazia mi saranno compagne
tutti i giorni della mia vita,
e abiterò nella casa del Signore
per lunghissimi anni.

Salmi 41 (40)

(Sal 41, 1-14)

Al maestro del coro. Salmo. Di Davide.

Beato l’uomo che ha cura del debole,
nel giorno della sventura il Signore lo libera.

Veglierà su di lui il Signore,
lo farà vivere beato sulla terra,
non lo abbandonerà alle brame dei nemici.

Il Signore lo sosterrà sul letto del dolore;
gli darai sollievo nella sua malattia.

Io ho detto: “Pietà di me, Signore;
risanami, contro di te ho peccato”.

I nemici mi augurano il male:
“Quando morirà e perirà il suo nome?”.

Chi viene a visitarmi dice il falso,
il suo cuore accumula malizia
e uscito fuori sparla.

Contro di me sussurrano insieme i miei nemici,
contro di me pensano il male:

“Un morbo maligno su di lui si è abbattuto,
da dove si è steso non potrà rialzarsi”.
Anche l’amico in cui confidavo,
anche lui, che mangiava il mio pane,
alza contro di me il suo calcagno.

Ma tu, Signore, abbi pietà e sollevami,
che io li possa ripagare.

Da questo saprò che tu mi ami
se non trionfa su di me il mio nemico;

per la mia integrità tu mi sostieni,
mi fai stare alla tua presenza per sempre.

Sia benedetto il Signore, Dio d’Israele,
da sempre e per sempre. Amen, amen

Salmi 46 (45)

(Sal 46, 1-12)

Al maestro del coro. Dei figli di Core.
Su “Le vergini…”. Canto.

Dio è per noi rifugio e forza,
aiuto sempre vicino nelle angosce.

Perciò non temiamo se trema la terra,

se crollano i monti nel fondo del mare.

Fremano, si gonfino le sue acque,
tremino i monti per i suoi flutti.

Un fiume e i suoi ruscelli rallegrano la città di Dio,
la santa dimora dell’Altissimo.

Dio sta in essa: non potrà vacillare;
la soccorrerà Dio, prima del mattino.

Fremettero le genti, i regni si scossero;
egli tuonò, si sgretolò la terra.

Il Signore degli eserciti è con noi,
nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.

Venite, vedete le opere del Signore,
egli ha fatto portenti sulla terra.

Farà cessare le guerre sino ai confini della terra,
romperà gli archi e spezzerà le lance,
brucerà con il fuoco gli scudi.
Fermatevi e sappiate che io sono Dio,
eccelso tra le genti, eccelso sulla terra.

Il Signore degli eserciti è con noi,
nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.

Salmi 85 (84)

(Sal 85, 1-14)

Al maestro del coro. Dei figli di Core. Salmo.

Signore, sei stato buono con la tua terra,
hai ricondotto i deportati di Giacobbe.

Hai perdonato l’iniquità del tuo popolo,
hai cancellato tutti i suoi peccati.

Hai deposto tutto il tuo sdegno
e messo fine alla tua grande ira.

Rialzaci, Dio nostra salvezza,
e placa il tuo sdegno verso di noi.

Forse per sempre sarai adirato con noi,
di età in età estenderai il tuo sdegno?

Non tornerai tu forse a darci vita,
perché in te gioisca il tuo popolo?

Mostraci, Signore, la tua misericordia
e donaci la tua salvezza.

Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
egli annunzia la pace
per il suo popolo, per i suoi fedeli,
per chi ritorna a lui con tutto il cuore.

La sua salvezza è vicina a chi lo teme
e la sua gloria abiterà la nostra terra.

Misericordia e verità s’incontreranno,
giustizia e pace si baceranno.

La verità germoglierà dalla terra
e la giustizia si affaccerà dal cielo.

Quando il Signore elargirà il suo bene,
la nostra terra darà il suo frutto.

Davanti a lui camminerà la giustizia
e sulla via dei suoi passi la salvezza.

Salmo 91 (90) – Sotto le ali divine

Chi abita al riparo dell’Altissimo
passerà la notte all’ombra dell’Onnipotente.

Io dico al Signore: «Mio rifugio e mia fortezza,
mio Dio in cui confido».

Egli ti libererà dal laccio del cacciatore,
dalla peste che distrugge.

Ti coprirà con le sue penne,
sotto le sue ali troverai rifugio;
la sua fedeltà ti sarà scudo e corazza.

Non temerai il terrore della notte
né la freccia che vola di giorno,

la peste che vaga nelle tenebre,
lo sterminio che devasta a mezzogiorno.

Mille cadranno al tuo fianco
e diecimila alla tua destra,
ma nulla ti potrà colpire.

Basterà che tu apra gli occhi
e vedrai la ricompensa dei malvagi!

«Sì, mio rifugio sei tu, o Signore!».
Tu hai fatto dell’Altissimo la tua dimora:

non ti potrà colpire la sventura,
nessun colpo cadrà sulla tua tenda.

Egli per te darà ordine ai suoi angeli
di custodirti in tutte le tue vie.

Sulle mani essi ti porteranno,
perché il tuo piede non inciampi nella pietra.

Calpesterai leoni e vipere,
schiaccerai leoncelli e draghi.

«Lo libererò, perché a me si è legato,
lo porrò al sicuro, perché ha conosciuto il mio nome.

Mi invocherà e io gli darò risposta;
nell’angoscia io sarò con lui,
lo libererò e lo renderò glorioso.

Lo sazierò di lunghi giorni
e gli farò vedere la mia salvezza».

Salmi 118 (117)

(Sal 118, 1-29)

Alleluia.
Celebrate il Signore, perché è buono;
perché eterna è la sua misericordia.

Dica Israele che egli è buono:
eterna è la sua misericordia.

Lo dica la casa di Aronne:
eterna è la sua misericordia.

Lo dica chi teme Dio:
eterna è la sua misericordia.

Nell’angoscia ho gridato al Signore,
mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo.

Il Signore è con me, non ho timore;
che cosa può farmi l’uomo?

Il Signore è con me, è mio aiuto,
sfiderò i miei nemici.

È meglio rifugiarsi nel Signore
che confidare nell’uomo.

È meglio rifugiarsi nel Signore
che confidare nei potenti.

Tutti i popoli mi hanno circondato,
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.

Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato,
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.

Mi hanno circondato come api,
come fuoco che divampa tra le spine,
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.

Mi avevano spinto con forza per farmi cadere,
ma il Signore è stato mio aiuto.

Mia forza e mio canto è il Signore,
egli è stato la mia salvezza.

Grida di giubilo e di vittoria,
nelle tende dei giusti:
la destra del Signore ha fatto meraviglie,

la destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto meraviglie.

Non morirò, resterò in vita
e annunzierò le opere del Signore.

Il Signore mi ha provato duramente,
ma non mi ha consegnato alla morte.

Apritemi le porte della giustizia:
voglio entrarvi e rendere grazie al Signore.
È questa la porta del Signore,
per essa entrano i giusti.

Ti rendo grazie, perché mi hai esaudito,
perché sei stato la mia salvezza.

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta testata d’angolo;

ecco l’opera del Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.

Questo è il giorno fatto dal Signore:
rallegriamoci ed esultiamo in esso.

Dona, Signore, la tua salvezza,
dona, Signore, la vittoria!

Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
Vi benediciamo dalla casa del Signore;

Dio, il Signore è nostra luce.
Ordinate il corteo con rami frondosi
fino ai lati dell’altare.

Sei tu il mio Dio e ti rendo grazie,
sei il mio Dio e ti esalto.

Celebrate il Signore, perché è buono:
perché eterna è la sua misericordia.

Salmi 121 (120)

(Sal 121, 1-8)

Canto delle ascensioni.
Alzo gli occhi verso i monti:
da dove mi verrà l’aiuto?

Il mio aiuto viene dal Signore,
che ha fatto cielo e terra.

Non lascerà vacillare il tuo piede,
non si addormenterà il tuo custode.

Non si addormenterà, non prenderà sonno,
il custode d’Israele.

Il Signore è il tuo custode,
il Signore è come ombra che ti copre,
e sta alla tua destra.

Di giorno non ti colpirà il sole,
né la luna di notte.

Il Signore ti proteggerà da ogni male,
egli proteggerà la tua vita.

Il Signore veglierà su di te, quando esci e quando entri,
da ora e per sempre.

Salmi 142 (141)

(Sal 142, 1-7)

Maskil. Di Davide, quando era nella caverna.
Preghiera.

Con la mia voce al Signore grido aiuto,
con la mia voce supplico il Signore;

davanti a lui effondo il mio lamento,
al tuo cospetto sfogo la mia angoscia.

Mentre il mio spirito vien meno,
tu conosci la mia via.
Nel sentiero dove cammino
mi hanno teso un laccio.

Guarda a destra e vedi:
nessuno mi riconosce.
Non c’è per me via di scampo,
nessuno ha cura della mia vita.

Io grido a te, Signore;
dico: Sei tu il mio rifugio,
sei tu la mia sorte nella terra dei viventi.
Ascolta la mia supplica:
ho toccato il fondo dell’angoscia.
Salvami dai miei persecutori
perché sono di me più forti.

Strappa dal carcere la mia vita,
perché io renda grazie al tuo nome:
i giusti mi faranno corona
quando mi concederai la tua grazia.

TESTI DEI CANTI

Io Credo in te Gesù (389)

Misericordia sei (460)

Stai con me (451)

Mi perdo nel tuo amore (499)

Sei il Mio Rifugio

Adoro Te (343)

Ai Piedi di Gesù (8)

Invochiamo la tua Presenza (388)

Spirito Santo dai luce (271)

Vieni in noi (490)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

“Retinopera 2002-2022: lavorare e camminare insieme.  Cattolici nell’economia, nel lavoro e nel sociale.  Orizzonti per il terzo millennio”

“Retinopera 2002-2022: lavorare e camminare insieme. Cattolici nell’economia, nel lavoro e nel sociale. Orizzonti per il terzo millennio”

Retinopera 2002-2022: lavorare e camminare insieme. Cattolici nell’economia, nel lavoro e nel sociale. Orizzonti per il terzo millennio”. Sarà questo il titolo dell’evento promosso in occasione dei venti anni di Retinopera, in programma domenica 27 novembre 2022, dalle ore 10.00 alle ore 15.30, a Bologna.

Share This