Festa del Ringraziamento 2021. Si rinnova la tradizionale Convocazione Diocesana del 14 marzo (nel rispetto delle norme anti Covid-19)

Venerdì 12 marzo, alle ore 20.30, dalla Sede del RnS, Anteprima Festa del Ringraziamento” in diretta su rinnovamento.org

Il 14 marzo rappresenta, da ben diciannove anni, una giornata speciale per il Rinnovamento nello Spirito Santo. È in questa data, infatti, che il RnS fa memoria di quel giovedì del lontano 2002, quando venne approvato definitivamente lo Statuto del RnS da parte del Consiglio Permanente della Conferenza Episcopale Italiana. Nello stesso giorno, inoltre, San Giovanni Paolo II, tenne la quarta Udienza privata con una delegazione del Rinnovamento presso gli Appartamenti privati in Vaticano, ribadendo che: «Il Rinnovamento nello Spirito puo considerarsi un dono speciale dello Spirito Santo alla Chiesa in questo nostro tempo. Nato nella Chiesa e per la Chiesa, il vostro e un Movimento nel quale, alla luce del Vangelo, si fa esperienza dell’incontro vivo con Gesu, di fedelta a Dio nella preghiera personale e comunitaria, di ascolto fiducioso della sua Parola, di riscoperta vitale dei Sacramenti, ma anche di coraggio nelle prove e di speranza nelle tribolazioni». 

Da allora, questo momento viene celebrato come “Festa del Ringraziamento” da tutti i Gruppi e le Comunità del RnS, con speciali iniziative, declinate con modalità diverse in tutta Italia, assumendo il valore di Convocazione diocesana del Movimento. In ogni Diocesi, dunque, le sorelle e i fratelli si ritrovano per ribadire l’appartenenza al Movimento e ripercorrere i momenti più significativi dell’anno trascorso. Organizzato con il consueto stile coinvolgente e fraterno che caratterizza la dimensione comunitaria del RnS, l’incontro rappresenta un’opportunità di ritrovarsi, alla presenza del Vescovo, in un momento di festa.  

Nel 2020, con l’avvento della pandemia che ha inevitabilmente stravolto le modalità solite di questo appuntamento storico, senza però intaccarne la “sostanza”, l’evento venne celebrato attraverso una Santa Messa trasmessa sui Social media del RnS dalla Cappella dedicata alla “Vergine dalle mani alzate”, presso la Sede nazionale in Roma: la Celebrazione, già condizionata dal primo lockdown nazionale, fu del tutto inedita e presieduta dal Vescovo ausiliare di Roma, S. E. mons. Gianpiero Palmieri.

Quest’anno la “Giornata del Ringraziamento – Convocazione Diocesana” avrà luogo sabato 13 e domenica 14 marzo 2021

Identici, per tutte le realtà, i momenti portanti che caratterizzano la ricorrenza: la celebrazione di una Messa presieduta dal Vescovo o dal Vicario diocesano; il discorso del Coordinatore diocesano in cui si ripercorrono le tappe degli ultimi dodici mesi e i frutti delle esperienze e del cammino vissuto; le testimonianze su come il RnS abbia attraversato, a livello locale, questo tempo flagellato dal Covid-19. 

Venerdì 12 marzo 2021, alle ore 20.30, sul sito del RnS (https://rinnovamento.org/web streaming/), è previsto un collegamento live, sempre dalla Cappella, che vedrà partecipe tutto il Comitato Nazionale di Servizio in una diretta streaming, come segno di unità, per celebrare insieme la Festa. Oltre alle testimonianze dell’anno trascorso nel servizio e l’Adorazione Eucaristica conclusiva, nel corso della serata verrà mostrato il consueto video di presentazione a cura di Salvatore Martinez, Presidente del RnS, che racconterà i dodici mesi del 2020, vissuti dal RnS a livello nazionale e scanditi dalla cosiddetta “conversione digitale”. 

«Il 2020 e stato un anno orribile per tanti – dichiara Martinez – , per molti altri un anno assolutamente da dimenticare: come potrebbe quindi il Rinnovamento fare memoria se, volgendo lo sguardo indietro, ciascuno di noi non dicesse grazie al Signore? Con lo slogan Giu la maschera… su la mascherina!”, esattamente un anno fa richiamavamo il Movimento a vivere una nuova stagione di di fraternita, proprio nel momento in cui veniva ferita la vita comunitaria, limitata fino al divieto di incontrarci nei nostri Cenacoli, Gruppi e Comunita. Ci siamo così ricondotti al “testamento spirituale” di San Giovanni Paolo II, allinizio del nuovo millennio, ricordando il suo “duc in altum” in un momento in cui la nostra navigazione nelle acque della pandemia ci avrebbe portato piuttosto a frenare la navigazione per non affondare, a riportare la nave al porto, piu che a prendere il largo. Facendo tesoro di questa consegna privilegiata, ci apprestiamo dunque a vivere in presenza e in chiave digitale la data del 14 marzo, un appuntamento con lo Spirito Santo da non sciupare in questo che rappresenta, senza dubbio, un tempo di prova ma anche di straordinaria opportunita per alimentare la nostra fede carismatica». 

Roma, 11 marzo 2021

Clicca qui per il video di presentazione di Salvatore Martinez, Presidente del RNS

Clicca qui per un ulteriore approfondimento

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

Share This